Abb e Qbuzz guidano l'elettrificazione delle flotte bus nei Paesi BassiOltre cento le nuove soluzioni di ricarica in aggiunta a quelle in uso



Abb spinge le flotte di bus elettrici di Qbuzz nei Paesi Bassi, per un totale di 99 veicoli da rifornire di energia attraverso gli oltre cento caricabatterie veloci e ad alta potenza forniti dall'azienda. Sarà così possibile contribuire in maniera fattiva alla sfida lanciata dalle autorità locali: ridurre del 95 per cento le emissioni inquinanti legate al sistema dei trasporti.  

Abb collabora da tempo con l'operatore. I depositi Qbuzz di Emmen, Appingendam, Stadskanaal, Oude Pekela, Zoutkamp, Surhuisterveen e Assen, che si riferiscono ad altrettante località nell'area settentrionale dei Paesi Bassi, risultano ad oggi dotati nel complesso di 62 stazioni di ricarica da 100 kiloWatt all'ora ad alta potenza, con voltaggio compreso tra 150 e 850 Vdc. Il collegamento dei veicoli è previsto per le ore notturne

Lasciando la zona operativa Groningen/Drenthe e spostandosi a sud-ovest in direzione di quella DMG DOrdrecht, troviamo i trentotto caricabatterie veloci Terra 54 da 50 kiloWatt e intervallo 150-920 Volt installati sempre all'interno di depositi di Qbuzz.

Qualora non si volesse aspettare la fine della giornata per un rifornimento di energia, sono pronti a scendere in strada i sei pantografi Hvc-300 Pantograph Down (PD) di Abb, posizionati tutt'intorno a Dordrecht in località dell'indotto regionale tra cui Drechtsteden, Alblasserwaard e Vijfheerenlanden. I 300 kiloWatt di potenza di cui sono accreditati consentono, in un tempo ridottissimo (tra i 3 e i 6 minuti), di fornire il fabbisogno necessario a portare a termine il servizio.

"Con la nostra Mission to Zero - ha dichiarato Frank Muehlon, responsabile Global Business for E-Mobility di Abb - dimostriamo il nostro impegno a scrivere un futuro più sostenibile per l'industria e per le comunità residenziali". Qualità, affidabilità e connettività delle soluzioni di ricarica per bus elettrici proposte dall'azienda rappresenterebbero altrettante leve alla base della scelta di Qbuzz, a cui spetta il compito di indirizzare verso la mobilità elettrica altri mercati europei. 

La disponibilità dei servizi connessi Abb Ability permette da remoto di mantenere monitorata la flotta (diagnosi e aggiornamenti), effettuare pagamenti dematerializzati, nonché gestire il flusso energetico, il tutto con l'obiettivo di contenere i costi gestionali e i tempi di fermo obbligato dei veicoli.

"Abb è stata una scelta naturale per noi" ha precisato Tim van Twuijver, responsabile programma EV di Qbuzz, operatore che in futuro potrà estendere la platea dei propri utenti anche a un pubblico privato, in linea con l'impostazione generale perseguita da Abb. 

 

 

Partner