Incidente a Las Vegas per la guida autonoma Navya

NAVYAÈ durato solo poche ore il primo giorno di servizio della navetta senza conducente di Navya, operativa a Las Vegas. Il pullmino autonomo, in questa prima fase di test, si è scontrato, fortunatamente senza arrecare danni i passeggeri, con un camion dopo pochi chilometri di strada. Le autorità locali parlano di errore umano: la navetta Navya avrebbe fatto il suo dovere fermandosi appena rilevata l’avanzata del camion. Si tratta di una vettura compatta, simile a una funivia su ruote su cui i passeggeri stanno per lo più in piedi, visti i pochi posti a sedere disponibili. Intanto, a Phoenix, in Arizona, sono iniziati i test su strada aperta delle auto a guida autonoma di Waymo, la società controllata da Alphabet, sussidiaria di Google.

Un pullman per i fedeli

FEDELIBUSAndare in chiesa non è mai stato così comodo. A Soncino (Cr) nasce Fedelibus, un pullman granturismo da cinquantasei posti così ribattezzato perché in sei tappe accompagna i fedeli alla locale chiesa di San Giacomo, dove ogni sera - in questo periodo - si celebra la 'novena dei defunti’. L'idea è nata da don Giuseppe Nevi, parroco della città, che ha voluto aiutare anziani e disabili offrendo loro questo servizio gratuito. Niente biglietto infatti, il progetto è interamente finanziato dalle casse Ecclesiastiche, e alla guida c'è il vicario don Massimo Cortellazzi, in possesso della patente D. È lui che, ogni sera, a bordo del bus percorre andata e ritorno, una trentina di chilometri a tratta e circa mezz'ora di strada, raccogliendo i fedeli in sei fermate, contraddistinte da appositi cartelli. "Per ora - dichiara don Giuseppe - il servizio è attivo solo durante la novena, ma vorrei diventasse fisso tutto l’anno.”

Credits :: Privacy Policy :: Cookie policy

Casa Editrice la fiaccola srl - Via Conca del Naviglio 37, 20123 Milano - Partita IVA: 00722350154